Contenuto Principale
La pagina facebook
Nutrizione personalizzata
Radicali liberi e stress ossidativo PDF Stampa E-mail
radicali liberiI Radicali Liberi  sono sostanze dannose che si producono nei processi metabolici alterati  provocando effetti degenerativi su tessuti ed organi.
Si ritiene che lo stress ossidativo, dovuto ai radicali liberi in eccesso, sia responsabile dell'invecchiamento precoce e l’innesco ad una serie di malattie molto comuni come la Sindrome Metabolica, il diabete, le ipercolesterolemie, i processi degenerativi del sistema nervoso, endocrino, cardiovascolare e nei processi infiammatori.
 Lo stress ossidativo agisce  su tutto l’organismo , i danni che provoca non danno sintomi caratteristici quindi non lo si evidenzia subito ed ha tutto il tempo di agire sul deterioramento degli organi.
Quindi valutare i livelli di stress ossidativo è una forma di medicina preventiva
Leggi tutto...
 
La Flora intestinale o Microbiota PDF Stampa E-mail
microbiomaL'intestino del feto è sterile e viene durante la nascita e nei primi giorni di vita colonizzato dai batteri sia anaerobi che aerobi, che vivono cioè in assenza o in presenza di ossigeno, da miceti e lieviti presenti nell’ambiente. La presenza di questi microrganismi  nell’intestino è fondamentale per l’equilibrio e la salute dell’organismo umano e il loro insieme viene denominato microbiota intestinale. 
Questo è un sistema integrato e in equilibrio, la sua interazione con l’uomo che lo ospita è importantissima sia per la salute del tratto gastrointestinale che per quella generale.
 La flora intestinale è coinvolta in importanti funzioni intestinali tanto da considerarla ultimamente una specie di organo. Partecipa infatti alla :
- produzione di enzimi coinvolti nei processi digestivi
- di vitamine come la Vit.Ke la Vit B , 
-funzione del sistema immunitario intestinale
-produzione di acidi grassi a catena corta che hanno effetto protettivo  sul colon
-regolazione della composizione delle feci e  dei gas intestinali 
-funzione di barriera protettiva verso altri batteri dannosi.
L’equilibrio tra i batteri presenti nell’intestino è detto eubiosi. Normalmente questo microbiota è composto per l’80 % di batteri cosiddetti “ buoni” e del 20 % da batteri potenzialmente patogeni , che raramente possono prendere il sopravvento e creare disturbi.
Cosè la Disbiosi
Identifica una alterazione della flora batterica normalmente presente (disbiosi vaginale, disbiosi cutanea, disbiosi orale, disbiosi intestinale).
Per Disbiosi intestinale si intende lo sbilanciamento della flora intestinale.
Il suo squilibrio provoca la produzione di sostanze tossiche e dannose in grado di alterare il sistema immunitario e neurovegetativo .
 Le cause della disbiosi possono essere :errate abitudini alimentari, patologie,  deficit immunologici, assunzione di farmaci,stress, età
Si può sospettare una disbiosi in presenza di:
-Cattiva digestione, diminuzione delle difese immunitarie, micosi nell’intestino (candidosi), di vaginiti e cistiti nella donna, stanchezza , disturbi del sonno, nervosismo, ansia. 
E’ possibile ricorrere ad un test per la disbiosi con il quale si rileva la presenza di uno scompenso tra i vari microorganismi intestinali. 
 
La nutrizione personalizzata per la salute cardiovascolare PDF Stampa E-mail
mela-dnaDi tutte le malattie metaboliche croniche le malattie cardiovascolari (CVD) sono la principale causa di morte nel mondo. Gran parte della ricerca nel corso degli ultimi 100 anni mostrano un legame tra CVD e stile di vita, tra cui la dieta; in tal modo, i messaggi di salute pubblica si sono concentrati sulle modifiche della dieta per gestire al meglio questa malattia. Nonostante questo sforzo, il tasso di mortalità cardiovascolare continua ad aumentare. Pertanto, è possibile che questo errore può essere dovuto alla variabilità individuale alla risposta  alla dieta .La spiegazione della struttura del genoma umano combinata con la consapevolezza che i nutrienti sono in grado di modificare l'espressione genica e che la variabilità genetica regola come gli individui rispondono ad una dieta hanno portato alla possibilità di  utilizzare una nutrizione personalizzata per la prevenzione di queste malattie. Mentre questa possibilità è reale per il futuro, la comprensione delle interazioni  tra nutrienti e geni permette ai nutrizionisti di fornire consigli nutrizionali personalizzati sulla base di una combinazione di fattori di stile di vita e di predisposizione genetica. 
Le malattie cardiovascolari (CVD),  comprendono una varietà di condizioni che colpiscono il cuore ei vasi sanguigni (arterie, capillari e vene). Le osservazioni a lungo termine hanno suggerito un'associazione tra il rischio di malattie cardiovascolari , obesità addominale e profilo lipidico anormale. Pertanto, consulenza nutrizionale per la prevenzione di malattie cardiovascolari si è in gran parte concentrata sulla riduzione del peso e la normalizzazione dei profili lipidici attraverso la dieta, esercizio fisico e farmaci.
 La modifica aggressiva di questi fattori di rischio per malattie cardiovascolari ha prodotto una riduzione del 30-40% della mortalità e l’epidemiologia  familiare ha suggerito una forte predisposizione genetica per CVD. 
Il sequenziamento del genoma umano nel 2001 ha portato allo svilupopo e utilizzo di diete basate sulla genetica per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. 
Vi è una dimostrazione sempre crescente  di una associazione tra varianti geniche  bersaglio e il rischio di CVD. L'interesse a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari ha portato a includere la  consulenza nutrizionale e offerta di test genetici predittivi. 
L'esistenza di relazioni reciproche tra nutrienti e geni si era già da tempo evidenziata e si era notato che esistevano differenze nelle risposte  al  consumo di diete  in popolazioni di differenti origini . gli studi epidemiologici hanno reso molto evidente che le persone rispondono in modo diverso ai farmaci, diete, e componenti della dieta, sia tra e all'interno di razze o generi.

La risposta logica a questo era una possibile dipendenza della risposta fisiologica delle interazioni gene-dieta. Da qui sono nati il concetto di nutrigenomica, che definisce  gli effetti delle sostanze ingerite sull'espressione genica e di  nutrigenetica per definire l' identificazione delle variazioni genetiche umane che sono la causa di differenze nelle risposte fenotipiche alle diete tra gli esseri umani 
La medicina ayurvedica e cinese  già circa 3.000 anni fa, senza le conoscenze della genetica,  aveva definito Il ruolo della nutrizione e dello stile di vita sulla salute . Anche  Ippocrate, il medico greco considerato il padre della medicina moderna, aveva posto l'accento sulla nutrizione sia nella prevenzione che nel trattamento delle malattie. 
Le patologie cardiovascolari includono una varietà di condizioni che colpiscono il cuore ei vasi sanguigni (arterie, capillari e vene). Rappresentate da cardiopatia aterosclerotica, malattia coronarica, e cardiopatia ischemica. Mentre sesso, età, e la genetica sono fattori di rischio immutabili, fattori di rischio modificabili svolgono un ruolo importante nella genesi e progressione della malattia. I fattori di rischio modificabili sono l'ipertensione, iperlipidemia, l'obesità, il diabete e il fumo.
Il contributo della genetica nell'eziologia di malattie complesse come le cardiovascolari è la somma totale di effetti di piccoli geni provenienti da più geni. 
Eccezioni agli esempi di cui sopra sono malattie mendeliane associate a CVD, come ipercolesterolemia familiare che è ereditata in maniera autosomica. Diverse malattie mendeliane del metabolismo lipidico sono associati ad un elevato rischio di CVD.
La ricerca di marcatori genetici per aiutare a predire i rischi di malattie cardiovascolari è stata una zona molto attiva di indagine
Studi osservazionali ed epidemiologici hanno portato al riconoscimento che le sostanze nutrienti nella dieta hanno effetti profondi sulla nostra fisiologia, e che gli individui non rispondono ai nutrienti nella dieta in modo simile. Ciò ha portato alla interpretazione che potrebbe esistere un qualche tipo di relazione reciproca tra geni e sostanze nutritive. 
Il sequenziamento del genoma umano ha portato alla realizzazione di possibili funzioni regolatrici fisiologiche dei nutrienti attraverso la modulazione sulla risposta dei geni . Dato che molteplici percorsi causali portano a malattie cardiovascolari, è ragionevole prevedere più determinanti genetici nel causare la malattia. Esistono i processi epigenetici  che modulano l'espressione genica senza cambiare la sequenza di DNA effettivo. È ben noto che questi processi portano  cambiamenti ereditari .Queste modificazioni epigenetiche alterano l'accessibilità della cromatina tramite la metilazione del DNA , in questo modo, la funzione del gene cambia, senza nessun cambiamento nella sequenza di DNA.
Il lavoro di squadra tra le varie discipline come la nutrizione, dietetica, genetica, biochimica e biologia molecolare è quindi altamente giustificato. 
La nutrizione nel 21 ° secolo è destinato a essere un campo interessante e di grande rilevanza della ricerca, dove ogni nuovo giorno è accompagnato da progressi nella comprensione di come le interazioni tra stile di vita e genotipi contribuire alla salute e malattia, che ci porta un passo più vicino al raggiungimento dell'obiettivo altamente auspicabile di prescrizione nutrizionale  personalizzata .
 
 Da Dipartimento di Nutrizione e Scienze alimentari, Università di Texas Woman, USA .
 
La Nutrigenetica e la correlazione con il regime alimentare PDF Stampa E-mail
NUTRIGENETICA

Le scoperte più recenti sul genoma umano ci forniscono gli strumenti e le basi per comprendere i meccanismi molecolari attraverso i quali singoli geni, o loro combinazioni, rispondono ai cambiamenti nella dieta e nello stile di vita , tipo l’esposizione al fumo di sigaretta, il consumo di alcol ecc., rendendo una persona particolarmente sensibile a contrarre un certo tipo di patologia e di far luce sui meccanismi tramite i quali la dieta può esercitare un effetto protettivo. Questo nuovo modo mirato di rapportarsi con l’alimentazione introduce concetti nuovi nella scienza della nutrizione.
Alcuni polimorfismi o mutazioni dei geni che compongono il nostro DNA rendono chi ne è portatore più soggetto a patologie correlate alla funzione delle proteine prodotte a seguito dell’informazione ricevuta dal relativo gene che le codifica. Per cui conoscere la presenza nel proprio corredo ereditario di specifici polimorfismi di un gene legati predisponenti verso alcune patologie significa fare prevenzione e poter migliorare il proprio stato fisico o evitare lo sviluppo delle relative malattie.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2
Ricerca / Colonna destra
Libro sulla PNA, dedicato alla salute e al benessere della coppia che desidera avere un figlio
L'intervista a Diana Yedid, una delle autrici e curatrice di questo libro

 

 

 

 

  


Per informazioni chiamare Sede:

Laboratorio BioGen -Studio Via Ascanio Vitozzi, 50 - 00128 Roma tel. 06-5072243

cell. 329 6628126

e-mail info@laboratoriobiogen.it