Contenuto Principale
La pagina facebook
Nutrizione e Fertilità
Importanza della vitamina D PDF Stampa E-mail

Vitamina D, genetica e prevenzioneLa Vitamina D è tra i più importanti micronutrienti di cui necessitiamo .E’ indispensabile per il metabolismo del Calcio . In paricolare la Vt. D3 detta anche colecalciferolo viene sintetizzata nella pelle dopo l’esposizione ai raggi solari o in alternativa assunta con gli alimenti. Però essendo presente negli alimenti in scarsa quantità è necessario assicurare l’esposizione solare .In alcuni casi è opportuno utilizzare integratori per compensare il fabbisogno giornaliero che è di 15 microgrammi/die. Per essere assorbita dall’organismo la Vit D3 deve , una volta ingerita, arrivare per via ematica al fegato dove si trasforma per idrossilazione in calcidiolo e passando nel rene , con una seconda idrossilazione diviene calcitriolo, che rappresenta la forma più efficace di Vitamina D . Il mantenimento dei livelli idonei nel sangue di Vit. D è fondamentale per la crescita e la corretta densità del tessuto osseo, per il funzionamento del sistema nervoso e non ultimo del sistema immunitario. La vitamina D è anche coinvolta nei processi di controllo della proliferazione e della differenziazione cellulare.

Leggi tutto...
 
Dieta preconcepimento e Riproduzione Assistita PDF Stampa E-mail

Porre l’attenzione sui comportamenti nutrizionali può essere un primo passo per cambiare abitudini alimentari povere di componenti essenziali per contribuire al miglioramento della capacità riproduttiva.

L'alimentazione influisce sulla fertilità sia  negli uomini che nelle donne.  Lo scopo di una consulenza nutrizionale è quello di  garantire un adeguato apporto di micronutrienti.

Fattori nutrizionali e di stile di vita, che comprendono dieta, esercizio fisico, stress, uso di alcol e di droghe, il fumo e l'obesità incidono sulle prestazioni riproduttive, anche durante la riproduzione assistita.

La dieta preconcepimento è spesso inadeguata nelle donne che pianificano una gravidanza, nonostante le conoscenze ormai  disponibili sulla relazione tra cattiva alimentazione e stili di vita e il rischio di problemi di fertilità, malformazioni congenite e le complicanze della gravidanza materne.

Sono ancora poche le  iniziative che mirano a offrire una consulenza preconcezionale su questi temi  per le coppie stanno pianificando una gravidanza.  Porre l’attenzione sui comportamenti nutrizionali per cambiare abitudini alimentari povere di componenti essenziali  , oltre che una maggior attenzione  sul consumo di alcool e fumo ,è il primo passo per la consulenza e per contribuire al miglioramento della capacità riproduttiva.

Uno studio clinico olandese ha affrontato, con l’uso di un semplice questionario, l'influenza di una dieta sana sulla probabilità di  gravidanza dopo il trattamento di riproduzione assistita.

Un questionario somministrato alla coppia   si compone di  6 domande basate sui principali gruppi alimentari:  cereali, oli insaturi, verdura, frutta, carne e pesce. Queste domande forniscono una stima globale della nutrizione di una persona. Le attuali linee guida sono almeno quattro fette di pane integrale al giorno (o porzioni simili di cereali), l'uso di grassi monoinsaturi o polinsaturi oli, ≥200 g di verdura al giorno, ≥2 pezzi di frutta al giorno, ≥3 porzioni di carne o di sostituti settimanali e ≥1 porzioni di pesce a settimana. Sulla base di queste domande è stato calcolato il punteggio di rischio preconcezionale Dietetico (PDR).

L'obiettivo di questi strumenti è di stimare l'assunzione qualitativa e quantitativa di sostanze nutritive attraverso la dieta  per garantire una sufficiente assunzione giornaliera dei nutrienti relativi ai sei principali gruppi di alimenti (frutta, verdura, carne, pesce, prodotti di grano integrale e grassi).

Gli studi si concentrano soprattutto sul microstato nutrizionale, cioè quei componenti in minerali,vitamine, come quelle del gruppo B, l'acido folico, potrebbero aiutare i meccanismi con cui la nutrizione ha effetti sulla riproduzione

La consulenza preconcezionale sulla  nutrizione sembra efficace, e si traduce anche in una migliore chance di gravidanza dopo un trattamento IVF / ICSI.


Durante la consulenza si consiglia ai pazienti-coppie ad adottare, se necessario, una dieta più sana, smettere di fumare, l'alcol e l'uso di droghe, di aumentare i loro livelli di esercizio e, successivamente, perdere peso.

Nelle coppie sottoposte al questionario si è osservato un miglioramento nell’assunzione nella frutta (+ 15%) e del pesce (+ 13%). Inoltre, i livelli di esercizio fisico auto-riportati (+ 44%) e di aumento di contenuto di acido folico (+ 17%)

L’ infertilità  femminile non è influenzata dallo stile di nutrizione dell'uomo.

L'effetto della nutrizione materna sul risultato del trattamento IVF / ICSI è mediato principalmente attraverso la sua fornitura di nutrienti adeguati nei primi giorni del trasferimento dell’embrione in utero.

 


Ricerca / Colonna destra
Libro sulla PNA, dedicato alla salute e al benessere della coppia che desidera avere un figlio
L'intervista a Diana Yedid, una delle autrici e curatrice di questo libro

 

 

 

 

  


Per informazioni chiamare Sede:

Studio BioGen-Via Ascanio Vitozzi, 50
00128 Roma

cell. 329 6628126

e-mail