Contenuto Principale
La pagina facebook
“PANE” nero al carbone vegetale: facciamo chiarezza PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Lilla - Nutrizionista   
Sabato 16 Gennaio 2016 10:35
pane nero  Il  “pane”  nero  al  carbone  vegetale  è  un  argomento  di  grandissima  attualità  a  causa  di  denunce,  polemiche  e  sequestri  da  parte  delle  autorità  competenti  e  di  una  nota  del   22/12/15  del  Ministero  della  Salute.  Ma  facciamo  chiarezza  su  alcuni  aspetti.   Innanzitutto  cosa  è  il  carbone  vegetale?   Il  carbone  vegetale  è  una  polvere  ottenuta  dal  legno  carbonizzato,  che  viene  trattato  per  fargli  acquisire  porosità  che  ne  aumenta  la  superficie  adsorbente,  rendendolo   utile   come   additivo   colorante   ed   integratore  alimentare.  Gli  integratori  a  base  di  carbone vegetale vengono utilizzati  per  combattere disturbi  intestinali,  flautolenza  e   gonfiore post  prandiale  grazie  alle  sue  proprietà  di  adsorbire  i  gas  intestinali.  
 
La  moda   del  “pane”  nero  nasce  dal  fatto  che  molte  persone  in  seguito  all’ingestione  di  pane manifestano sintomi  di  gonfiore,  tensione  addominale,   senso   di   pienezza  e  flautolenza.  Si  è  pensato  per  questo  di  aggiungere  il  carbone  vegetale,  date  le  sue   proprietà,  all’impasto  del  pane  per  contrastare  questi  sintomi.  Ma  davvero  questo   “pane”  ha  questi  effetti  miracolosi,  da  renderlo  una  scelta  migliore  rispetto  al  classico   pane?  Può  essere  paragonato  davvero  all’integratore?  La  risposta  è  NO.     Il  carbone  vegetale  assunto  come  integratore,  e  non  come  additivo  alla  preparazione   del  pane,  è  senz’altro  un  ottimo  aiuto  per  gonfiori,  tensioni  addominali  e  stitichezza.   Per  avere  il  suddetto  effetto  benefico  le  dosi  raccomandate  sono  di  1  grammo  almeno   30  minuti  prima  del  pasto  ed  1  grammo  subito  dopo  il  pasto.  Nella  preparazione  del   “pane”,  invece,  vengono  utilizzati  di  solito  10-­15  grammi  di  additivo  per  1  kg  di  farina.   Si  deduce  subito  quindi  che  la  quantità  assunta  tramite  una  porzione  giornaliera  di   “pane”  nero  è  insufficiente  per  avere  gli  effetti  benefici  di  maggiore  digeribilità  e  di   diminuzione  del  gonfiore  addominale  tanto  acclamati.  
Avrete   notato   la   parola   “PANE”   scritta   sempre   tra   le   virgole.   Questo   perché   il   Ministero   della   Salute   ha   emanato   una   nota   che   spiega   che è   ammissibile   la   produzione  di  un  'prodotto  della  panetteria  fine'  denominato  come  tale,  che  aggiunga   agli  ingredienti  base  (acqua,  lievito  e  farina),  tra  gli  altri,  anche  il  carbone  vegetale   come  additivo  colorante  e  nelle  quantità  ammesse  dalla  regolamentazione  europea  in  materia,  ma  che  tale  prodotto  non  può  essere  denominato  'pane'.  Il  Ministero   precisa  inoltre  che  non  è  nemmeno  ammesso  il  riferimento  al  'pane'  nell'etichettatura   di  tale  prodotto,  nella  sua  presentazioni  o  nelle  pubblicità.  Perché  possa  fare  bene  alla  salute  il  carbone  vegetale  deve  essere  quindi  utilizzato   con   criterio   e   nella   dosi   specifiche,   e   queste   dosi   devono   essere   esposte   per   conoscenza  alla  clientela. Quindi   il   consiglio   da   nutrizionista   è   di   privilegiare   pane   integrale,   a   meno   di   particolari  disturbi  intestinali,  e  di  non  farsi  abbindolare  dalle  mode  del  momento   senza  prima  informarsi  correttamente.  
 
 Dr.ssa  Valentina  Lilla,  Nutrizionista 
 
Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Gennaio 2016 18:29
 
Ricerca / Colonna destra
Libro sulla PNA, dedicato alla salute e al benessere della coppia che desidera avere un figlio
L'intervista a Diana Yedid, una delle autrici e curatrice di questo libro

 

 

 

 

  


Per informazioni chiamare Sede:

Studio BioGen-Via Ascanio Vitozzi, 50
00128 Roma

cell. 329 6628126

e-mail

Altri articoli

riprovi