Contenuto Principale
La pagina facebook
Malattie cardiovascolari: lo zucchero è più pericoloso dei grassi. PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Lilla - Nutrizionista   
Giovedì 18 Febbraio 2016 15:11
zuccheri e grassiGrassi  saturi  o  zuccheri  semplici?  Cosa  fa  più  male  al  nostro  cuore?   Da   decenni   la   correlazione   tra   alimentazione   e   malattie   cardiovascolari   è   stata   oggetto  di  numerosissimi  studi  scientifici,  soprattutto  perché  infarti,  trombi  ed  ictus   sono  la  prima  causa  di  morte  al  mondo.  L’alimentazione  ha  un  ruolo  fondamentale   sia   per   l’insorgenza   sia   per   la   prevenzione   di   queste   patologie.   Sotto   la   lente   di   ingrandimento  è,  finora,  sempre  finito  il  contenuto  di  grassi  in  una  dieta,  soprattutto   i  grassi  cattivi,  cioè  i  grassi  saturi:  le  ultime  linee  guida  dei  LARN  (Livelli  di  Assunzione   di  Riferimento  di  Nutrienti  ed  energia  per  la  popolazione  italiana)  ,  aggiornate  al  2014,   suggeriscono  di  rimanere  nell’intervallo  tra  il  20  ed  il  35%  delle  calorie  totali  per  i   grassi  e  di  non  superare  il  10%  delle  calorie  totali  da  grassi  saturi,  nella  popolazione   adulta.    Come  sono  cambiati  i  prodotti  industriali  per  questo  motivo?  Le  industrie   alimentari   hanno   diminuito   nei   vari   alimenti   il   contenuto   di   grassi,   ma,   per   non   alterare   e   ridurre   il   gusto   dei   prodotti,   hanno   aumentato   il   contenuto   di   zuccheri   semplici.     Ultimamente  sono  stati  condotti  alcuni  studi  per  capire  la  correlazione  tra  il  consumo   elevato   di   zuccheri   semplici   in   una   dieta   e   le   malattie   cardiovascolari.   Più   precisamente  uno  studio  pubblicato  sul  “Journal  Progress  in  Cardiovascular  Diseases”   afferma   che   gli   zuccheri   semplici,   come   lo   zucchero   da   tavola,   hanno   un   impatto   maggiore  sul  cuore  rispetto  ai  grassi.  Da  questo  studio  è  uscito  fuori  che  quando  in   una  dieta  i  grassi  saturi  vengono  sostituiti  dagli  zuccheri  semplici,  il  colesterolo  cattivo   diventa  più  alto  ed  il  colesterolo  buono,  invece,  si  abbassa;  e  come  tutti  sanno  i  livelli   di  colesterolo  cattivo  sono  direttamente  correlati  alle  malattie  cardiovascolari.  Invece   consumare  una  dieta  ad  alto  contenuto  di  grassi  saturi  determina  un  aumento  sia  del   colesterolo  buono  che  di  quello  cattivo.  Ma  non  è  tutto  qua:  il  consumo  elevato  di   zuccheri  semplici  a  discapito  dei  grassi  saturi  porta  anche  ad  un’alterazione  dei  livelli   di   trigliceridi,   della   resistenza   insulinica,   degli   acidi   urici   e   della   funzionalità   delle   piastrine.  I  ricercatori  puntano  il  dito  soprattutto  sull’eccessivo  consumo  di  fruttosio,   un  componente  dello  zucchero  da  tavola,  usato  come  dolcificante  e  venduto  anche   come  zucchero  bianco.  L’eccesso  di  fruttosio  causa  il  famoso  “fegato  grasso”,  altro   imputato  delle  malattie  cardiovascolari.  Inoltre,  un  consumo  eccessivo  di  zuccheri   semplici  può  portare  anche  allo  sviluppo  del  diabete,  anch’esso  fattore  di  rischio  per   la  salute  del  cuore.     Concludiamo  dicendo  che  i  LARN  suggeriscono  di  non  superare  il  15%  delle  calorie   totali  da  zuccheri  semplici.  Bisogna  preferire  il  consumo  di  cibi  grezzi,  non  raffinati  e   poco  lavorati  cosicché  non  vengano  aggiunti  zuccheri  ulteriori.  La  dieta  mediterranea   viene  sempre  in  nostro  aiuto  poiché  privilegia  il  consumo  di  carboidrati  complessi   (pasta,  pane),  preferibilmente  integrali,  ed  un  consumo  giusto  di  grassi  buoni  (olio   evo,  frutta  secca,  omega  3).    
 
LARN- Livelli  di  assunzione  di  riferimento  per  la  popolazione  italiana:  CARBOIDRATI   E  FIBRA  ALIMENTARE 
  DiNicolantonio  JJ,  et  al.  —  The  Evidence  for  Saturated  Fat  and  for  Sugar  Related  to   Coronary   Heart   Disease   —  
Da  Prog   Cardiovasc   Dis.   2015   Nov   14.       
 
   Dr.ssa  Valentina  Lilla   Nutrizionista   
Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Febbraio 2016 15:19
 
Ricerca / Colonna destra
Libro sulla PNA, dedicato alla salute e al benessere della coppia che desidera avere un figlio
L'intervista a Diana Yedid, una delle autrici e curatrice di questo libro

 

 

 

 

  


Per informazioni chiamare Sede:

Studio BioGen-Via Ascanio Vitozzi, 50
00128 Roma

cell. 329 6628126

e-mail

Altri articoli

riprovi